Caduta Dei Capelli in Autunno | Guida + TOP 10

La caduta capelli autunno è una problematica molto presente sia negli uomini e sia nelle donne. In realtà si tratta di una forma naturale di rinnovamento ed è del tutto normale. Vediamo insieme come avviene, quali sono i trattamenti e soprattutto se ci sono rimedi naturali consigliati.

La caduta capelli in autunno

La caduta capelli in autunno è una problematica che riguarda tantissime persone e si riferisce nella maggior parte delle volte ad un cambio stagionale per rinnovare il ciclo di vita dei capelli. Il periodo interessato è da settembre a novembre con una caduta stagionale similare a quella delle foglie.

Naturalmente nel momento in cui la caduta diventa consistente allora sarà necessario rivolgersi ad n medico professionista per escludere una qualsiasi forma di patologia più o meno grave – come l’ alopecia per esempio.

Ciclo vitale dei capelli e perdita di capelli

La caduta dei capelli stagionale si affianca al loro ciclo di vita con una forma in tre fasi principali: crescita, riposo e caduta.

Si stima che il follicolo produca 20 capelli nel corso di tutta la sua vita. Ogni stagione si presenta il fenomeno del rinnovo della chioma, così in estate come in autunno nella sua fase telogen, con una perdita maggiore dei 100 capelli al giorno come di consueto.

Non è un fenomeno particolare e si stima infatti che la perdita, generale, sia causa di stress – alimentazione sbagliata – salute – ereditarietà nonche uno stile di vita non appropriato. La perdita ogni giorno deve essere considerata come un fattore normale che accade ad ogni persona: negli uomini è più intensa che nelle donne con diradamento e particolarità che si possono verificare nel corso del tempo.

Caduta dei capelli: perché in autunno?

La caduta dei capelli stagionale si manifesta soprattutto per varie cause tra cui una variazione di temperatura e luce, che vanno ad agire direttamente sulla produzione della melanina nonché prolattina (ovvero gli ormoni che stimolano la crescita dei capelli).

Il cambio di stagione prevede quindi anche una caduta stagionale di capelli con una chioma che non è in piena salute. Gli altri fattori determinanti sono anche i cambiamenti ormonali, l’eccessiva esposizione alla luce del sole e il freddo nonchè- come accennato – lo stress. In generale è fenomeno naturale e il ricambio è previsto ogni tre anni: basta immaginare il capello vecchio che viene sfrattato dal nuovo con una chioma sana e lucente.

Caduta dei capelli in autunno: quando sono indeboliti

Quando si verifica un aumento nella caduta dei capelli e una alterazione del cuoio capelluto, allora si può avere un problema. Come anticipato la perdita di capelli naturale può essere associata al cambio di stagione ma nel momento in cui si verica un diradamento bisogna preoccuparsi.

In linea generale i capelli indeboliti si presentano schiariti (il sole ossida la melanina), stopposi e con una inclinazione nel spezzarsi continuamente. Per verificarlo in casa basterà prendere le lunghezze e tirarle.

Se si spezzano allora sono indeboliti in caso contrario non hanno necessità di cure.

Rimedi per la perdita dei capelli

La perdita dei capelli prevede una infiammazione del cuoio capelluto anche per l’uso di prodotti con agenti chimici aggressivi. Per rinforzare e promuovere la crescita dei capelli in autunno è importante partire dalla base con un ottimo shampoo e balsamo delicati e con ingrendienti naturali.

I prodotti vanno diluiti con l’acqua mentre il balsamo dovrà essere utilizzato solo una volta alla settimana per appesantire i capelli. Meglio ancora una maschera nutriente e ristrutturante che può essere applicata tra i trattamenti sino a due volte alla settimana, con ingredienti che agiscono in profondità sul cuoio capelluto.

Una volta al mese sarebbe ottimale fare un trattamento scrub specifico sempre per il cuoio capelluto così da eliminare il sebo in eccesso e tutte le impurità/tossine che si sono accumulate nel bulbo.

Alimentazione

La salute dei capelli passa anche da quello che si mangia, con una richiesta continua di apporto di vitamine e sali minerali indispensabili. A volte la caduta dei capelli aumenta se non si ha il giusto apporto di questi elementi indispensabili.

Sono fondamentali le vitamine C che si trovano in broccoli, arance, frutta, kiwi e uva ma anche la vitamina A che ha il potere di rafforzare i capelli dalla radice alle punte. Indispensabile la vitamina E ricca di antiossidanti che contrasta l’invecchiamento cellulare, senza dimenticare ferro – magnesio e potassio nonché licopene.

Rimedi naturali

Ci sono dei rimedi naturali per la caduta dei capelli? Assolutamente sì e spesso si ricorre proprio a questi elementi della natura per contrastare questa problematica di natura fisiologica. Ideali in autunno e in estate, si possono provare:

  • Olio di semi di lino per realizzare un ottimo trattamento ad impacco oppure da aggiungere al proprio shampoo neutro
  • Olio di mandorle dolci oppure olio di oliva da applicare sulla cute per idratare e nutrire i capelli, associando anche ad altri oli essenziali da massaggiare e lasciare in posa per 20 minuti prima del risciacquo
  • Zenzero con olio di jojoba diventa una maschera naturale che stimola la circolazioen sanguigna e penetra nel capello rinforzandolo
  • Perfetta anche la salvia che è un’erba aromatica utilizzata sin dai tempi antichi per andare a nutrire: per assorbire tutte le sue proprietà basterà utilizzarla come risciacquo tramite il suo infuso. Si noterà anche un piacevole effetto sano e lucido
  • Non da meno l’avocado la cui polpa si trasforma in un impacco dalle alte proprietà applicandola un’ora prima del solito lavaggio con prodotti neutri
  • Avete mai provato i semi di prezzemolo? Ottimali per svolgere sui capelli una azione rimpolpante. Andranno messi sulla cute in polvere e poi eliminati la mattina dopo con semplice colpo di spazzola. Ripetere l’operazione per un mese.

Tra i tanti rimedi naturali non bisogna dimenticare l’aloe vera che è perfetta contro la caduta nonché l’Hennè che non si presenta come colorante ma come antinfiammatorio naturale. Per stimolare la circolazione basterà fare ogni sera un leggero e pratico massaggio a tutta la testa, verificando di persona il miglioramento che emerge giorno dopo giorno.

Per ogni consiglio o dubbio rivolgersi sempre al proprio medico di fiducia o uno specialista del settore.

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *